Ad imageAd image

Jay Vine conquista il Tour Down Under 2023

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Jay Vine conquista il Tour Down Under 2023

Jay Vine ha vinto il primo giro ciclistico dell’anno, il Tour Down Under 2023, disputato in Australia.

Il ciclista della UAE Emirates, beniamino di casa, è riuscito a difendersi dagli attacchi di Simon Yates, che ha conquistato la quinta e ultima tappa disputata da Unley a Mount Lofty, nella zona di Adelaide.

- PUBBLICITA-

Per l’australiano è il secondo trionfo in una competizione ciclistica, dopo aver vinto il Tour Of The Tropics nel 2019.

 

Il Tour Down Under 2023 va a Jay Vine: Yates vince l’ultima tappa, ma non basta

Il Tour Down Under si è chiuso con il trionfo del beniamino di casa Jay Vine, corridore della UAE Emirates, che ha conquistato la vittoria finale grazie al distacco di 11 secondi ai danni di Simon Yates, britannico del Team Jayco-AlUla, che ha vinto la tappa conclusiva in 2:41’16”, e ai 27 secondi rifilati allo spagnolo Pello Bilbao.

Dei molti italiani che hanno avuto modo di partecipare alla corsa, il primo è stato Antonio Tiberi della Trek-Segafredo, che ha chiuso ottavo ad appena un minuto di distacco dal vincitore. L’Italia è stata addirittura in testa alla classifica generale con Alberto Bettiol, ma il ciclista friulano, complice anche in gesto di stizza per il quale ha chiesto scusa e per il quale pagherà, non è riuscito poi a completare tra i primi.

Per Jay Vine è la seconda vittoria in un giro, a quattro anni di distanza dal trionfo nel Tour Of The Tropics, che si svolge a Luglio sempre in Australia.

 

 

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento