Ad imageAd image

Ranking ATP: tre italiani in Top 20 per la prima volta

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Ranking ATP: tre italiani in Top 20 per la prima volta

Il nuovo Ranking ATP ha regalato una prima volta per quanto riguarda il Tennis italiano.

Infatti, Matteo Berrettini, Jannik Sinner e Lorenzo Musetti sono tutti e tre in Top 20 alla prima classifica dell’anno solare 2023, fatto mai avvenuto nella storia della disciplina.

- PUBBLICITA-

Si tratta di una buona notizia in vista degli Australian Open, dato che i primi trentadue saranno teste di serie del torneo.

 

Berrettini, Sinner e Musetti nella Top 20 del Ranking ATP

Il Ranking ATP precedente agli Australian Open 2023 sorride al Tennis italiano, che vede per la prima volta tre suoi rappresentanti tra i primi venti della classifica.

Matteo Berrettini, quattordicesimo, Jannik Sinner, sedicesimo, e Lorenzo Musetti, diciannovesimo, sono i tre giocatori che hanno portato un pezzo di storia della disciplina e che saranno i nostri maggiori rappresentanti in vista del primo Slam dell’anno, che inizierà tra una settimana.

Carlos Alcaraz, assente a Melbourne a causa di un infortunio, ha perso la testa della classifica a favore di Rafael Nadal, che torna così al comando, mentre Novak Djokovic, vincitore del torneo di Adelaide, resta stabile al quarto posto del Ranking ATP e avrà l’omonima testa di serie per gli Australian Open.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Eurosport Italia (@eurosportitalia)

 

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
TAGGATI: ,
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento