Ad imageAd image

Stephen Espinoza sulle parole di Jake Paul su Dana White

Alessandro Podio
Alessandro Podio
5 minuti di lettura
Stephen Espinoza sulle parole di Jake Paul su Dana White
Stephen Espinoza sulle parole di Jake Paul su Dana White

Stephen Espinoza reagisce alle parole di Jake Paul, secondo cui Dana White “sta facendo di tutto per danneggiare” il PPV con Anderson Silva.

Non è un segreto che Jake Paul e Dana White non siano grandi amici, ma ora lo sfrontato pugile sostiene che il presidente dell’UFC sta cercando attivamente di danneggiare la sua prossima card in pay-per-view, dove affronterà Anderson Silva nel main event.

- PUBBLICITA-

In un messaggio postato su Twitter, Paul ha affermato che White sta “facendo tutto il possibile per danneggiare la promozione del PPV di Anderson Silva“, aggiungendo che le azioni del dirigente dell’UFC mostrano “quanto teme quello che sto facendo“.

Paul non ha aggiunto alcun contesto al suo messaggio, ma il presidente di Showtime Sports Stephen Espinoza comprende il motivo di queste affermazioni.

 

Stephen Espinoza da ragione a Jake Paul?

Penso che siano tante piccole cose, tante cose circostanziali“, ha detto Stephen Espinoza in un’intervista, “non ho seguito l’intera conferenza stampa di UFC 280, ma non ho visto chiedere a Dana di Jake durante l’ultimo evento UFC, lo scorso fine settimana, il che è insolito perché gli viene sempre chiesto, magari non risponde, ma glielo chiedono sempre, ed è certamente un punto di partenza rispetto a quanto accaduto in passato”.

White si è già scagliato contro le ripetute domande su Paul, e ad agosto ha dichiarato di non voler più parlare della star di YouTube diventata pugile.

Smettetela di chiedermi di Jake Paul, ragazzi”, ha detto White, “non me ne frega un c*** di quello che fa Jake Paul, so che vi piace questa cosa, ma andiamo, questo ragazzo non ha nulla a che fare con i miei affari, non combatte per me, non fa nemmeno parte del mio stesso sport, non voglio più parlare di lui, non mi interessa“.

Stephen Espinoza ha detto che questa non è l’unica prova che il presidente dell’UFC spera che l’imminente trasmissione in pay-per-view non abbia successo, e sebbene non si tratti di un’offesa grave, ha anche rivelato che l’UFC ha rifiutato di permettere a Showtime di utilizzare qualsiasi filmato precedente con Silva come parte della promozione dell’incontro contro Paul.

L’UFC non è stata collaborativa nel dare accesso ai filmati degli incontri – di solito è una cortesia che viene concessa senza tante polemiche“, ha rivelato Stephen Espinoza, “ma in questo caso non l’abbiamo avuta, non ha influito sulla nostra promozione, ma sarebbe stato bello poter utilizzare alcuni dei suoi vecchi filmati di combattimento”.

Nell’ambito della sua continua guerra di parole con White negli ultimi due anni, Paul ha sempre criticato l’UFC per aver sottopagato i lottatori e per aver distribuito agli atleti una percentuale di introiti inferiore a quella di quasi tutte le altre grandi leghe sportive del mondo.

Paul è stato anche promotore per la fondazione di un sindacato dei lottatori per aiutare i lottatori di MMA a unire gli sforzi per lottare per ottenere migliori benefici complessivi, che comprendono la retribuzione e l’assicurazione sanitaria.

Tutto questo fa sì che Paul usi il suo raggio d’azione per minacciare potenzialmente i profitti dell’UFC, ed è per questo che Stephen Espinoza crede di essere riuscito a mettere sotto pressione White.

Penso che l’UFC si senta a disagio ogni volta che qualcuno solleva la questione della retribuzione dei lottatori“, ha detto Espinoza, “sono molto sulla difensiva, ma ci sono vari problemi da esaminare come la struttura e il trattamento, molto di quello che dice Jake è importante“.

Ma penso anche che ci sia una minaccia in quello che Jake sta facendo in senso imprenditoriale, è allineato con Showtime ora, ed è stato allineato con altre piattaforme prima ma sta facendo gran parte del marketing da solo.

Sta dimostrando che a un certo punto, con una base di fan sufficiente, è possibile mettersi in proprio e si può essere imprenditori, che non è necessario essere legati a una grande promozione per tutta la carriera e credo che questo rappresenti una minaccia per l’ordine consolidato degli sport da combattimento”.

 

Stephen Espinoza ph. facebook@everlast
Stephen Espinoza ph. [email protected]

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Un milanese trapiantato a Misano Adriatico. Giornalista freelance dal 2005, collaboro con diverse testate giornalistiche locali e nazionali. Mi occupo prevalentemente di sport, che seguo a 360 gradi, con particolare attenzione al calcio, arti marziali e sport da combattimento in genere, ma seguo (e scrivo) volentieri di qualsiasi competizione esistente. Infine, attualmente curo la sala stampa per due festival del cinema della città di Ravenna.
Lascia un commento