Ad imageAd image

WRC: Adrien Formaux salta il Rally Nuova Zelanda

Giacomo Della Vecchia
2 minuti di lettura
WRC: Adrien Formaux salta il Rally Nuova Zelanda

Nel WRC, il Team M-Sport ha annunciato che Adrien Formaux salterà il Rally Nuova Zelanda in programma la prossima settimana.

Per Ford, che voleva portare 4 Puma Rally1 nel ritorno del Rally Nuova Zelanda in calendario oltre a quelle di Craig Breen, Gus Greensmith e Lorenzo Bertelli si tratta di un imprevisto che lascia un po’ di amaro in bocca.

- PUBBLICITA-

E’ stato però confermato che Adrien Formaux sarà regolarmente in gara nel penultimo Rally della stagione in Spagna. Le auto Rally1 saranno quindi 10 e non 11, cosa che non accadeva dalla stagione 2012.

WRC: il comunicato su Adrien Formaux

Nel WRC Rally Acropolis 2022 Adrien Formaux non aveva partecipato dato il fatto che il Team non era riuscito a riparare in tempo la sua auto dopo l’incidente nel Rally Belgio avvenuto in Agosto.

Il Team Ford M-Sport, attraverso un comunicato, ha dichiarato: “Dopo aver parlato a lungo con Adrien Formaux, il Team ha deciso di rinunciare alla partecipazione del pilota nella prossima tappa del WRC. La decisioni sul Rally Nuova Zelanda è stata presa in concerto con Formaux senza andare in contrasto ed anzi supportando la sua decisione. Il pilota sarà regolarmente in gara per il Rally Spain di Ottobre.”

Per la prossima tappa del WRC si pensava addirittura ad un ulteriore coinvolgimento di Sebastien Loeb come accaduto nel Rally Acropolis ma il Team M-Sport ha preferito concentrarsi sulle prossime tappe per avere Formaux a pieno regime.

Confermata invece la presenza di Sebastien Ogier, annunciato da Toyota per le ultime 3 gare della stagione WRC.

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Lascia un commento