Arti MarzialiNews

Rodtang respinto alla dogana il Canada gli rifiuta il visto

Rodtang respinto alla dogana il Canada gli rifiuta il visto

Rodtang Jitmuangnon è, probabilmente, il fighter di Muay Thai più famoso al mondo ma questo non è bastato per permettergli di entrare in Canada.

Il campione thailandese dei pesi mosca di ONE Championship aveva annunciato da tempo che nel mese di Novembre avrebbe tenuto una serie di seminari nel Paese nordamericano in varie palestre situate a Toronto, Calgary e Victoria.

Ovviamente tali occasioni erano molto attese dai praticanti locali che avrebbero potuto confrontarsi con una leggenda ma un ufficiale della sicurezza di frontiera aeroportuale non è stato dello stesso avviso.

Rodtang sospettato di cercare lavoro clandestino!

Una volta atterrato all’aeroporto di Toronto Pearson Rodtang ed il suo team sono stati trattenuti per quattro ore dagli ufficiali della sicurezza di frontiera che hanno provveduto ad interrogarli dettagliatamente circa lo scopo della loro visita.

Ovviamente il campione era in possesso di tutta la documentazione necessaria attestante il suo impegno professionale nel Paese e di un visto di lavoro rilasciatogli dalle istituzioni canadesi in Thailandia.

Tuttavia, al termine dei controlli, mentre a tutti gli altri componenti del team è stato concesso il permesso di entrare, Iron Man è stato, invece, respinto poichè un ufficiale ha sospettato che egli stesse, in realtà, cercando di introdursi nel Paese per poi fermarsi clandestinamente a lavorare in una palestra.

Tale supposizione appare assolutamente ridicola considerando che Rodtang è, attualmente, il fighter di Muay Thai più pagato al mondo con compensi, più volte esplicitati da ONE Championship, che superano i 250mila dollari a match.

Tuttavia, purtroppo per il lottatore non c’è stato nient’altro da fare che tornare a casa e, a oggi, nessuna dichiarazione in proposito è stata rilasciata.