Ad imageAd image

Frederic Vasseur: è la scelta giusta per la Ferrari?

Giacomo Della Vecchia
5 minuti di lettura
Frederic Vasseur: è la scelta giusta per la Ferrari?

Frederic Vasseur è stato nominato questa mattina nuovo Team Principal della Ferrari al posto di Mattia Binotto.

La telenovela riguardo alla Ferrari è ufficialmente conclusa: con un comunicato ufficiale, la scuderia di Maranello ha ufficializzato Frederic Vasseur come nuovo Team Principal al posto del dimissionario Mattia Binotto.

- PUBBLICITA-

L’ingegnere francese, che verrà sostituito da Andreas Seidl alla Sauber (a sua volta sostituito in McLaren da Andrea Stella), ha alle spalle una storia di successi nelle categorie minori (è co-fondatore della ART Grand Prix) ed è forse l’uomo giusto per interrompere il digiuno di successi della Ferrari.

Andiamo a vedere perchè Frederic Vasseur potrebbe quindi risollevare la Ferrari da un lungo digiuno dopo le fallimentari gestioni di Stefano Domenicali, Marco Mattiacci, Maurizio Arrivabene ed in ultima battuta Mattia Binotto.

Perchè Frederic Vasseur è l’uomo giusto della Ferrari

In prima battuta, Frederic Vasseur è un grande realista, a dispetto dei suoi predecessori che caricavano l’ambiente fin dalla loro nomina parlando di vittorie sicure. Sicuramente l’ingegnere francese non si aspetta di arrivare a vincere subito tutto, ma ha le idee chiare su cosa si deve o non si deve fare per arrivare al successo; un episodio che avvalora questa sua caratteristica si rifà al 2017, quando venne nominato Team Principal della Sauber e decise di cancellare la fornitura di motori della Honda per il 2018.

Col senno di poi è stato un azzardo in termini di prestazioni, ma dal 2018 al 2022 la Sauber (rinominata poi Alfa Romeo) ha subito un graduale aumento delle prestazioni fino ad arrivare al 6° posto di questa stagione; il suo approccio prudente può non piacere, ma ad un team di dimensioni non eccezionali come Sauber ha fatto solo bene.

Un secondo fattore molto importante è la conoscenza che Frederic Vasseur ha di Charles Leclerc, dato il fatto che il pilota monegasco conosce il francese dai tempi proprio della ART Grand Prix e successivamente nel 2018, stagione di debutto in F1 di Charles Leclerc. Sembrerebbe infatti che il pilota monegasco abbia quasi spinto per avere Vasseur come nuovo Team Principal, dato il fatto che si conoscono bene; Leclerc, ad eccezione della stagione appena trascorsa, non ha mai fatto molto bene sotto la guida di Mattia Binotto ed avere come Team Principal Vasseur potrebbe aiutarlo a ritrovare la fiducia persa ed a capire meglio la nuova monoposto.

Un altro fattore assolutamente non marginale riguarda la costante ricerca di una sfida da parte di Frederic Vasseur. Nel 2016, infatti, passò alcuni mesi alla Renault F1 Team prima di abbandonarla per incomprensioni con l’allora CEO Cyril Abiteboul; stando a quanto dichiarato all’epoca, i due avevano visioni opposte che avrebbero reso la stagione un vero inferno per la casa transalpina.

La sfida intrapresa in seguito ha permesso non solo a lui ma anche a Sauber, nel corso delle stagioni successive , di arrivare ad un buonissimo punto della carriera di entrambi ed addirittura all’acquisizione della casa svizzera da parte di Audi nel 2026; l’unico ostacolo per Vasseur potrebbe essere il lavorare non solo per Ferrari ma per un’intera nazione, capace di criticare con estrema brutalità qualora i risultati non arrivassero, così come dichiarato da Toto Wolff.

Non ci resta che aspettare la stagione 2023 di F1 per vedere come Frederic Vasseur lavorerà alla Ferrari e se riuscirà a normalizzare un ambiente costretto da ormai 17 stagioni a vedere prima Mercedes F1 Team e successivamente Red Bull Racing vincere in F1.

 

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Lascia un commento